Calistenics: I migliori attrezzi per cominciare | Prima parte

Spunti e consigli per i tuoi acquisti

I migliori attrezzi per cominciare Calisthenics

 

Calisthenics workout

Dopo il nostro articolo sugli sportwatch che potrete trovare QUI 

È venuto il momento di parlare di Calisthenics, una disciplina che sempre di più sta prendendo piede in Italia e nel mondo.

Nasce come allenamento a corpo libero da fare fuori dalle solite palestre, nei parchi o anche in casa.

Usando il peso del proprio corpo e attuando le cosiddette SKILL è possibile creare una quantità praticamente infinita di esercizi volti a diversi obiettivi, modificando le leve in gioco possiamo aumentare progressivamente il carico in modo da ottenere un aumento della massa muscolare, oppure creare circuiti di endurance per la resistenza.

Per approfondimenti su questa disciplina vi consiglio di seguire su youtube i canali di Umberto Miletto e Claudio Negro sono canali molto interessanti che vi potranno fornire tantissimi spunti sul vostro allenamento a corpo libero.

Il bello del Calisthenics è proprio lo sfruttare il proprio corpo per la quasi totalità dell’allenamento usando pochissimi attrezzi molto spesso anche auto costruiti.

In questo articolo mi voglio soffermare sulle attrezzature che è possibile acquistare, senza le quali risulterebbe difficile allenarsi al meglio, e che oltretutto sarebbero difficili da costruirsi in proprio.

In un buon allenamento ” calisthenics workout ” bisogna cercare di coinvolgere tutti i gruppi muscolare, per non rischiare a lungo andare di creare squilibri, quindi importante allenare in egual misura schiena, pettorali, gambe e il core (cintura addominale).

 

Attrezzi per allenare la schiena

In questa prima parte dell’articolo analizzeremo i migliori attrezzi per cominciare calisthenics dedicati ai muscoli della schiena, il migliore esercizio per questo distretto muscolare sono senz’altro le trazioni o dette anche pull-up.

Per praticare calisthenics o corpo libero in generale è forse l’unico vero attrezzo essenziale che bisogna avere.

Stiamo parlando ovviamente delle sbarre per fare trazioni , ne esistono di diversi tipi, per esempio questa

SBARRA MULTIFUNZIONE

PRO
Economica ,Riponibile e multi esercizio
CONTRO
Non adatta a tutte le porte

  

È Una sbarra multifunzione da agganciare alla porta , può reggere fino a 100kg dichiarati e ha la possibilità di usare anche una presa neutra (più naturale e più semplice per chi è agli inizi).

Bisogna controllare l’intelaiatura delle proprie porte prima di procedere all’acquisto, sennò sarà difficile da posizionare.

In compenso costa poco e una volta finito si può riporre nell’armadio.

Poi ci sono le cosi dette entro porta regolabili che personalmente preferisco per un discorso di sicurezza, il modello seguente che poi è quello in mio possesso non ha mai dato segni di cedimento e mi fa sentire sicuro nella maggior parte degli esercizi. Unico difetto rischiate di rovinare il telaio della porta per via della pressione esercitata come purtroppo è successo alla mia.

SBARRA ENTROPORTA

PRO
Economica ,ottimo grip e adattabile
CONTRO
A lungo andare potrebbe rovinare il telaio della porta

 

Per ultimo esistono tutte quelle sbarre da agganciare al muro o al soffitto, sicuramente sono le più sicure, quelle che permettono il maggior numero di esercizi e che possono sopportare i carichi maggiori a patto di un’installazione a DOC.

Gli svantaggi di queste ultime sono il lavoro per l’installazione, un costo maggiore e poi il fatto che non si possano riporre una volta terminato l’allenamento quindi bisogna decidere con cura il loro posizionamento.

AGGANCIO AL SOFFITTOAGGANCIO A PARETE

PRO
Multipresa
CONTRO
Installazione

PRO
Economica
CONTRO
Installazione

 

Chi è alle prime armi con i vari esercizi alle sbarre potrebbe aver bisogno di un piccolo aiuto all’inizio, io consiglio l’utilizzo di Loop Bands.

Che non sono altro che fasce elastiche di diverse misure, grazie alla quale potrete alleggerire il vostro peso e iniziare a ottenere un buon volume allenante.

Di solito vengono divise per colore e laghezza che ci farà capire la quantità di peso che ci aiuteranno a scaricare durante l’esercizio.

LOOP BANDS

Un’alternativa alla sbarra potrebbero essere dei cavi TRX , sono fatti per essere agganciati dietro le porta o direttamente alle sbarra.

Danno la possibilità di ampliare il range di esercizi e in parte grazie alla loro “instabilità” permettono anche di rinforzare zone come il core e aumentare la forza dei muscoli stabilizzatori.

CAVI TRX
 

Infine esistono gli Anelli che in parte sostituiscono i cavi TRX , personalmente li preferisco per diverse ragioni, tra l’altro come i cavi TRX si possono usare praticamente ovunque anche appesi al ramo di un albero.

ANELLI
 

La misura che consiglio è la 28mm , ce ne sono di diversi materiali sia di plastica che di legno, sicuramente da preferire quest’ultimo per un fatto di presa ma anche di estetica.

Consiglierei gli anelli alle persone con un po’ di allenamento alle spalle, in quanto agli inizi gli esercizi praticabili non sarebbero molti.

 

Ed infine parliamo di un’altro aspetto da non sottovalutare quando ci alleniamo con gli anelli o sbarre in generale ed è la salute delle proprie mani.

Infatti allenandovi con questi attrezzi dopo poco andrete incontro a calli e a piccole vesciche che potrebbero dare fastidio a voi o al vostro partner.

In nostro aiuto per prevenire potremmo comprare delle guaine apposite per rivestire i vostri anelli/sbarre o comprare direttamente dei guanti per proteggere le vostre mani.

GUANTI
 

Spero di esservi stato d’aiuto e che questa prima parte della guida vi sia stata utile.

Lasciate pure tra i commenti idee e spunti per la seconda parte grazie.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: